Home Unione Soci Attività
e Progetti
Eventi Servizi Le banche dati
del biologico
Focus on Naturalmente
Bio
Area Stampa Link
Home » I prodotti bio sono più salutari?

I prodotti bio sono più salutari?

  

I risultati degli studi di nove progetti di ricerca finanziati dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, mettono in luce che il cibo biologico è più salutare del convenzionale sotto diversi aspetti. I progetti di ricerca, che hanno coinvolto il Cnr e il Cra e alcune importanti università italiane, hanno dimostrato che: i pomodori biologici freschi e trasformati, rispetto a quelli convenzionali, sono più ricchi di antiossidanti e polifenoli, i micronutrienti di cui è stato ampiamente provato il legame con la prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari e cronico-degenerative in genere, facendoci vivere più sani e più a lungo (studio Biopomnutri); i cereali biologici non contengono più micotossine di quelli convenzionali e pur non avvalendosi di fungicidi (meglio noti come "anticrittogamici"), sono meno esposti a contaminazioni fungine, grazie al ricorso alle buone pratiche agronomiche, in particolare alla rotazione colturale (studio Psnb-Cer).

Inoltre le conclusioni del progetto "Bioqualia - La qualità nutrizionale ed organolettica delle produzioni biologiche”, condotto dal Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura ex Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) e finanziato dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali hanno dimostrato che “I prodotti bio, coltivati senza l'uso di diserbanti e altre sostanze chimiche, non hanno solo il vantaggio di essere "senza chimica", ma sono qualitativamente superiori rispetto ai prodotti convenzionali”

I ricercatori dell'ex Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione hanno condotto un'indagine sulle ricerche pubblicate su riviste scientifiche internazionali dal 2005 al 2011, nelle quali sono state messe a confronto le caratteristiche nutrizionali dei prodotti bio e di quelli tradizionali. I risultati vanno così a contraddire qualche indagine che negli ultimi anni ha fatto discutere e ha creato molta confusione nel consumatore. 

Il lavoro svolto ha reso evidente come i prodotti bio contengono un maggior numero di vitamine, antiossidanti, e sostanze salutari:  la frutta biologica tende ad avere un maggior presenza di vitamina C e - nel caso dei frutti a bacca – un più elevato contenuto di composti fenolici rispetto alla convenzionale;  gli ortaggi biologici tendono a mostrare una concentrazione superiore di carotenoidi; il latte ottenuto da animali allevati con il sistema biologico (così come i suoi derivati)  tende a essere più ricco in acidi grassi polinsaturi e acido linoleico coniugato, sostanze che hanno dimostrato di avere una considerevole azione preventiva verso numerose patologie, come quelle cardiovascolari.

Anche secondo il rapporto State of Science Review,  a cura di The Organic Center for Education and Promotion (USA), emerge come il sistema colturale biologico permetta ai prodotti agricoli di possedere dei livelli di sostanze antiossidanti superiori a quelli derivanti dai metodi convenzionali.

Un’altro studio pubblicato nel 2008 sulla prestigiosa rivista scientifica British Journal of Nutrition, evidenzia la relazione tra alimentazione con prodotti biologici e prevenzione dei problemi respiratori e delle manifestazioni allergiche.

In conclusione, un gran numero di ricerche scientifiche conferma quello che il buonsenso suggerirebbe e cioè che l’agricoltura biologica rappresenta un riferimento autorevole per preservare il nostro stato di salute, prevenire patologie croniche, garantire una migliore qualità di vita a noi e alle generazioni future.






 

 

 


Attività di informazione e divulgazione del settore dei prodotti biologici realizzata da UPBIO nell'ambito della Mis. 133, PSR 2007/2013, determinazione n.718325 del 29/12/2014 - Codice domanda n.8475921024.


 

PSR Regione Lazio 2007/2013 - Misura 133 - Sostegno alle Associazioni di produttori per le attività di promozione e informazione riguardanti i prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentare.